Sigaretta elettronica: anche “svapare” provoca in cancro. Lo dice la scienza

Sigaretta elettronica: anche “svapare” provoca in cancro. Lo dice la scienza

Nonostante la crescente popolarità delle sigarette elettroniche come alternativa “più sicura” al fumo, i loro effetti a lungo termine sulla salute dell’utente sono ancora in larga parte sconosciuti. Tuttavia, i ricercatori sono concordi nel dichiarare che lo “svapo” possa modificare il materiale genetico, o DNA, nelle cellule orali degli utenti, che potrebbe aumentare il rischio di cancro.

I ricercatori hanno presentato i loro risultati il 20 agosto scorso  al 256 ° National Meeting & Exposition della American Chemical Society (ACS).

“Le sigarette elettroniche sono una tendenza popolare, ma gli effetti sulla salute a lungo termine sono sconosciuti”, afferma Romel Dator, Ph.D., che presenta i lavori all’incontro. “Vogliamo caratterizzare le sostanze chimiche a cui i vapers sono esposti, così come qualsiasi danno al DNA che possono causare.”

Introdotte sul mercato nel 2004, le e-sigarette sono dispositivi elettronici portatili che riscaldano un liquido, solitamente contenente nicotina, in un aerosol che l’utente inala. Sono disponibili diversi gusti di liquidi, compresi molti che si rivolgono ai giovani, come frutta, cioccolato e caramelle.

Secondo un rapporto del Surgeon General degli Stati Uniti del 2016, il 13,5% degli studenti delle scuole medie, il 37,7% degli studenti delle scuole superiori e il 35,8% dei giovani (dai 18 ai 24 anni) hanno utilizzato le sigarette elettroniche, rispetto al 16,4% delle persone anziane adulti (dai 25 anni in su).

“È chiaro che più sostanze cancerogene derivano dalla combustione del tabacco nelle sigarette normali che dal vapore delle sigarette elettroniche”, afferma Silvia Balbo, Ph.D., ricercatrice principale del progetto, che si trova al Masonic Cancer Center presso l’Università di Minnesota. “Tuttavia, non conosciamo l’impatto dell’inalazione della combinazione di composti prodotti da questo dispositivo. Solo perché le minacce sono diverse non significa che le e-sigarette siano completamente sicure. ”

Per caratterizzare le esposizioni chimiche durante lo svapo, i ricercatori hanno reclutato cinque utenti di sigarette elettroniche. Hanno raccolto i campioni di saliva prima e dopo una sessione di vaping di 15 minuti e hanno analizzato i campioni per le sostanze chimiche che sono noti per danneggiare il DNA. Per valutare i possibili effetti a lungo termine dello svapo, il team ha valutato il danno al DNA nelle cellule della bocca dei volontari. I ricercatori hanno utilizzato metodi basati sulla spettrometria di massa che avevano sviluppato precedentemente per uno studio diverso in cui hanno valutato il danno al DNA orale causato dal consumo di alcol.

Dator e Balbo hanno identificato tre composti che danneggiano il DNA, formaldeide, acroleina e metilgliossale, i cui livelli sono aumentati nella saliva dopo lo svapo. Rispetto alle persone che non sottovalutano, quattro dei cinque utilizzatori di sigarette elettroniche hanno mostrato un aumento del danno al DNA correlato all’esposizione all’arnoleina. Il tipo di danno, chiamato addotto del DNA, si verifica quando sostanze chimiche tossiche, come l’acroleina, reagiscono con il DNA. Se la cellula non ripara il danno in modo che possa avvenire la normale replicazione del DNA, ne potrebbe derivare il cancro.

I ricercatori prevedono di seguire questo studio preliminare con uno più ampio che coinvolge più utenti e controlli di sigarette elettroniche. Vogliono anche vedere come il livello di addotti del DNA differisce tra gli utenti di sigarette elettroniche e i fumatori regolari di sigarette. “Confrontando le sigarette elettroniche e le sigarette di tabacco è davvero come paragonare mele e arance. Le esposizioni sono completamente diverse “, dice Balbo. “Ancora non sappiamo esattamente cosa stiano facendo questi dispositivi di sigaretta elettronica e quali effetti possono avere sulla salute, ma i nostri risultati suggeriscono che è necessario uno sguardo più attento.”

Share